Inferno di Francesco Gungui

Buongiorno lettori e buon lunedì,

oggi sono qui per parlarvi di uno dei romanzi che ho letto durante la pausa del blog, uno dei pochi che ho letto per piacere e non per collaborazioni o altro.

Il libro in questione è Inferno di Francesco Gungui, primo volume della trilogia Canti delle terre divise edito Rizzoli.

Vediamo i dettagli così vi spiego meglio cosa penso di questo libro.








Titolo: Inferno
Autore: Francesco Gungui
Editore: Rizzoli
Genere: Fantasy
Serie: Canti delle terre divise (Vol.1)
Pagine: 430
Data di pubblicazione: 5 maggio 2016
Prezzo eBook: €5,99
Prezzo cartaceo: €14,90 (copertina rigida) €12,00 (copertina flessibile)

Sinossi:
Se sei nato a Europa, la grande città nazione del prossimo futuro, hai due sole possibilità: arrangiarti con lavori rischiosi o umili, oppure riuscire a trovare un impiego a Paradiso, la zona dove i ricchi vivono nel lusso e possono godere di una natura incontaminata. Ma se rubi o uccidi o solo metti in discussione l'autorità, quello che ti aspetta è la prigione definitiva, che sorge su un'isola vulcanica lontana dal mondo civile: Inferno. Costruita in modo da ricalcare l'Inferno che Dante ha immaginato nella Divina Commedia, qui ogni reato ha il suo contrappasso. Piogge di fuoco, fiumi di lava, gelo, animali mostruosi: gli ingranaggi infernali si stringono senza pietà attorno ai prigionieri che spesso muoiono prima di terminare la pena. Nessuno sceglie di andare a Inferno, tranne Alec, un giovane cresciuto nella parte sbagliata del mondo, quando scopre che la ragazza che ama, Mai, vi è stata mandata con una falsa accusa. Alec dovrà compiere l'impresa mai riuscita a nessuno: scappare con lei dall'Inferno, combattendo per sopravvivere prima che chi ha complottato per uccidere entrambi riesca a trovarli...

RECENSIONE

Dire che questo romanzo è WOW è dire poco! Sono consapevole di aver recuperato questa serie con ben quattro anni di ritardo, ma a volte è proprio quando quasi più nessuno ne parla che si scoprono piccole perle.

Parlare di questo romanzo non è semplice perché ci sono davvero tante cose e riuscire a dare risalto a tutto è davvero complicato, sarebbe più semplice dirvi semplicemente LEGGETELO ma proverò a spiegare di cosa parla e perché vale così tanto la pena recuperare questo romanzo.

Il mondo all'interno di questo libro è diviso, ci sono le persone benestanti che vivono in Paradiso e hanno tutti i comfort e fanno la bella vita, c'è l'Inferno dove vi finiscono gettati i criminali e poi c'è Europa la città delle persone comuni all'interno della quale si cerca di sopravvivere come meglio possibile e dove vengono trasmessi continuamente filmati dell'Inferno per spingere le persone a seguire le leggi dell'Oligarchia. 
Alec vive a Europa con sua madre e sua sorella, ha una vita più o meno normale scandita dal suo lavoro. 

Tutto cambia quando la madre di Alec gli comunica che, finalmente, hanno la possibilità di avere una vita migliore perché hanno ottenuto un impiego presso una delle famiglie del Paradiso.

Qui Alec conosce Mai, una ragazza che non ha mai visto le brutture del mondo fuori dalle mura di Paradiso, cresciuta tra l'amore dei suoi genitori e l'affetto dei suoi amici.

Mai è attratta da Alec e, soprattutto, dall'aura di mistero che lo avvolge perché lei vuole scoprire di più sul mondo e su Europa e siccome i suoi genitori non vogliono dirle nulla perché non chiedere ad Alec?

Tra i due scatta subito qualcosa, e quando Mai capisce ciò che le è stato tenuto nascosto per tutta la vita decide di fuggire con Alec e lasciare per sempre la sua casa. Le cose però non vanno come sperato e Mai viene inspiegabilmente spedita all'Inferno, quando Alec scopre il motivo per cui Mai non lo ha raggiunto nel punto concordato decide di fare in modo di farsi mandare all'Inferno per tentare di salvarla.

Un mondo dantesco quello creato da Gungui, un mondo diviso tra buoni e cattivi e un Inferno che con le sue leggi di contrappasso punisce i criminali che cercano disperatamente la redenzione dai loro peccati.

Una struttura perfetta, un ritmo incalzante e personaggi così palpabili da sembrare reali fanno di questo romanzo una perla rara. Dopo tanto tempo tra le pagine di questo romanzo sono tornata finalmente a casa, un fantasy con i fiocchi capace di tenere incollati alle pagine fino alla fine.

Ho detto poco, forse troppo, forse nulla, ma credetemi questo romanzo vale la pena di essere letto e io non vedo l'ora di recuperare gli altri due volumi e scoprire come andrà a finire la storia di Alec e Mai.

Voto finale: 5/5

Alla prossima,
Erika.

Commenti